Chi sono - biografia

Nata nel 1974 a Firenze. Laureata in Scienze Agrarie Tropicali e Subtropicali, all'Università degli Studi di Firenze. Mi sono impegnata negli anni, fin dai tempi del Liceo, in attività di volontariato di tipo sociale, culturale e ambientale.
Ho fatto parte della Comunità di S. Egidio.
Sono stata attivista e tesoriera nel gruppo locale toscano della organizzazione non governativa (ong) Servizio Civile Internazionale, organizzando e promuovendo campi di volontariato a cui prendevano parte persone di tutta Europa e di tutto il Mondo.
Durante l'Università sono stata cofondatrice insieme ad altri giovani di una associazione culturale fiorentina (Interzupp) che ha realizzato per svariati anni corsi di danza, musica, teatro con la partecipazione di artisti sia italiani che africani, e la cui fondazione è stata promossa dalla Casa dei Diritti Sociali di Firenze.
Per realizzare la mia tesi di laurea ho vissuto per 6 mesi in Nicaragua e dopo la laurea ho lavorato come agronoma in Ecuador per 3 anni, con l'ong Movimento Laici America Latina, in un progetto di sviluppo rurale con le comunità indigene locali. Sono stati gli anni più formativi per me! Nella sierra (montagna) ecuadoriana ho conosciuto la vera democrazia! Sarò per sempre grata al mio destino che mi ha fatto incontrare il MLAL e mi ha permesso di vivere insieme a quel popolo meraviglioso, dove ogni decisione veniva presa davvero col consenso di tutti, per il bene di tutti, dove le riunioni, anche le più dibattute, con i temi più spinosi, venivano svolte con la massima educazione dando la parola a tutti! Dove se qualcosa non andava nel governo (da quello locale a quello nazionale), in 5 minuti si riusciva a smobilitare tutti, tutte le famiglie, tutti insieme, compresi donne, bambini e non c'era lamentazione, perché tutti erano protagonisti del loro destino e del destino delle loro comunità. Dagli indigeni kichwa ho imparato che tutti insieme si possono raggiungere risultati incredibili, se si ha lo stesso cuore, o come dicevano loro Shuk Yayailla, Shuk Shunkulla, Shuk Makilla che significa Un solo Pensiero, Un solo Cuore, Una sola Mano (cioè una stessa azione).
Ho scelto i colori dell'arcobaleno come sfondo per il mio blog non solo perché sono la bandiera della pace, ma anche perché sono la bandiera dei popoli indigeni delle Ande (la wipala) e simboleggiano l'unità nella diversità... tanti colori insieme, un unico arcobaleno!
Di ritorno in Italia sono rimasta scioccata dal livello di isolamento degli individui nella nostra società e dal livello di apatia e disaffezione alla politica di tutti, ma in particolare dei giovani, che invece dovrebbero essere i più dinamici e vivi!
Dal 2004 lavoro come ricercatrice precaria presso il Centro per l'Agrobiologia e la Pedologia di Firenze, che fa parte del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura. Dal 2008 lavoro con partita IVA anche per la ditta Agristudio, sempre in ambito pedologico. Dal 2010 sono assistente del Project Manager in un progetto di ricerca finanziato dalla Commissione Europea all'interno dei fondi LIFE, dal titolo SOILPRO, monitoraggio per la difesa del suolo.
Ma 6 anni fa, nel 2009, ho avuto la fortuna di incontrare nel mio cammino una famiglia di buddisti praticanti della Soka Gakkai, che mi hanno fatto conoscere questa bellissima religione, che è anche una filosofia di vita, così vicina anche alla cosmovisione andina che avevo tanto amato in Ecuador, e che mia ha ridato coraggio e speranza, grazie alla quale ho capito la mia missione qua in Italia e anche il motivo per cui sono tornata. Da quel momento ho intrapreso la pratica buddista e non l'ho mai interrotta, tutti i giorni, fino ad oggi.
Sull'onda di questo entusiasmo nel 2011 ho partecipato alla fondazione nel quartiere di Firenze in cui vivo, Le Cure, del Comitato dei Genitori dell'Istituto Comprensivo Le Cure, del quale sono stata presidente per 3 anni. Il Comitato dei Genitori è una bellissima esperienza di condivisione fra genitori, alunni e insegnanti ... che ha coinvolto negli anni anche il quartiere, i suoi abitanti e le istituzioni. La rete che si è creata è un esempio per me di come possa esistere davvero un laboratorio di idee in comune, anche nella nostra società così individualista.
Sempre nell'anno 2011 ho partecipato attivamente alla campagna referendaria per l'acqua bene comune, contro il nucleare e contro il legittimo impedimento. Ho iniziato la campagna da sola, ma poi ho trovato un sostegno fondamentale nell'Italia dei Valori, che è stata fra i principali promotori di quei referendum. Chi mi conosce sa che ho fatto stampare sulle T-Shirt mie e della mia famiglia i loghi della campagna referendaria e viaggiavo "tormentando" tutti i miei amici, colleghi e conoscenti perché andassero a votare per dare 4 si! E poi ho distribuito i  volantini del Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua, di Greenpeace contro il nucleare e dell'Italia dei Valori che ha promosso tutti e 4 i referendum. Da quell'anno ho cominciato a sostenere economicamente Greenpeace e ho sempre sostenuto e appoggiato le iniziative promosse dall'Italia dei Valori.
Ho lasciato la presidenza del Comitato in occasione della mia candidatura alle elezioni per il rinnovo del consiglio comunale di Firenze e del quartiere 2 di Firenze, per le quali mi sono candidata nelle liste aperte dell'Italia dei Valori.



1 commento:

  1. Maria Fantappiè: sempre TANTA stima da parte mia per tutto quanto hai fatto e vissuto :)

    Duilio

    RispondiElimina